Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

A Torino, città dove la crisi economica ha colpito molto duramente, aree urbane un tempo a forte valenza commerciale sono sempre più spazi “senza anima”, in balia del degrado e della desertificazione commerciale con evidente impatto sulla qualità della vita dei cittadini e sui rischi connessi: insicurezza percepita e reale, degrado urbano e deprezzamento degli immobili privati e commerciali, con effetto domino sulle aree circostanti. 

Tale fenomeno è prevalente in alcune zone periferiche ma lo è anche in vie di Torino un tempo collocate in quartieri cosiddetti “benestanti”. Nello specifico, in Crocetta, Via Sacchi sta assistendo a un preoccupante declino che rischia di essere inarrestabile se non si interviene con urgenza. E’ una via storica che fa parte del Circuito aulico dei Portici,  misura  solo un chilometro ma è un perfetto esempio di come un patrimonio di storia e bellezza possa essere disperso. Un contesto urbanistico che potrebbe essere un naturale centro commerciale e di socializzazione, rischia di essere definitivamente deteriorata dal crescente degrado, dalla desertificazione commerciale e da eventuali speculazioni immobiliari sull’area della ferrovia laddove non si lavorasse tutti insieme per identificare delle destinazioni di utilità pubblica o quanto meno ad uso pubblico.

Il Comitato Rilanciamo via Sacchi è nato nell’ottobre del 2016 con lo scopo di valorizzare l’area dei portici di via Sacchi, sia dal punto di vista ambientale che commerciale. Ciò attraverso il coinvolgimento, in modo sinergico e paritario, di amministrazioni e cittadini residenti, commercianti e professionisti che vivono e lavorano in via Sacchi e in tutto il borgo San Secondo.

Al momento vanta un direttivo composto da:

  • Francesca Cartisano, commerciante
  • Giorgio Cavallin, professionista
  • Donatella Mosso, abitante
  • Luigi Ratclif, abitante
  • Laura Porporato, professionista, Presidente pro tempore.

Hanno già aderito una ventina di altre persone ed ora si sta procedendo con la definizione dello statuto per la costituzione dell’Associazione di Via che dovrà essere soprattutto esperimento per una nuova modalità di coinvolgimento dei vari attori protagonisti, attivando con la Città un forte patto di co-progettazione.

Il Comitato Rilanciamo via Sacchi ha dato vita a diversi progetti aventi lo scopo di:

  • Rivitalizzare il commercio attraverso il progetto  #VuotiaRendere;
  • Restituire decoro alla via attraverso il progetto  #CuralaVia;
  • Riportare le persone sotto i portici attraverso eventi e manifestazioni attraverso il progetto #ViviViaSacchi;
  • Riportare la cultura sotto i portici e nelle case di via Sacchi attraverso il progetto #Invitalacultura
  • Rivedere la viabilità per promuovere percorsi di urban trekking e ciclabilità con il progetto #FlâneurinSacchi

”Tutto ciò affinchè Via Sacchi possa divenire un laboratorio di innovazione sociale applicata alla rigenerazione urbana e, soprattutto, possa generare un percorso virtuoso e replicabile di attivazione di risorse economiche, soprattutto di giovani,  in una ottica di sostenibilità e creatività”. Cit.

(estratto)

Articolo 2 – Scopi

Il Comitato si propone senza fini di lucro e senza possibilità di distribuire, anche indirettamente, utili ai membri e intende raccogliere adesioni, consensi e fondi per addivenire alla costituzione di una Associazione, la cui denominazione sarà decisa in sede costitutiva, avente lo scopo di promuovere, valorizzare e rilanciare Via Paolo Sacchi in Torino.

Nello specifico le finalità del Comitato sono rivolte a individuare e proporre soluzioni e progetti, condivisi tra società civile e Istituzioni, per rilanciare la Via e contrastare l’aumento incontrollato del degrado urbano e la desertificazione commerciale in atto.

Più dettagliatamente il Comitato si propone e ha per oggetto:

1) il coinvolgimento di cittadini, professionisti e commercianti (residenti o attivi in Via Sacchi e strade limitrofe) in un’ottica di laboratorio di patto di collaborazione con le Istituzioni;

2) la redazione, la proposizione e la realizzazione di progetti che assicurino il miglioramento della qualità della vita nel territorio di riferimento – Borgo San Secondo e, più in generale la città di Torino, considerata l’importanza di creare reti virtuose con realtà aventi gli stessi obiettivi.

Articolo 3 - Attività

Il Comitato può organizzare e predisporre strumenti (siti, profili social, etc), manifestazioni, eventi e quant'altro riterrà idoneo per gli scopi di cui al precedente articolo. In particolare il Comitato può organizzare tutte quelle iniziative reputate utili od opportune per il raggiungimento delle proprie finalità.

Comitato Rilanciamo Via Sacchi
via Sacchi, 40 – 10128 Torino
rilanciamoviasacchi@gmail.com
CF. 97818710010